Spalletti, una moderna e ambiziosa versione di Parmenide

Il ct della Nazionale come un novello Parmenide: difensore dell'essere azzurro e maestro dell'equilibrismo tattico.

76
Luciano Spalletti

 

Luciano Spalletti, tra ambizioni filosofiche e manovre tattiche, ha cercato di trasformare l’Italia nel perno del calcio mondiale, oscillando tra tradizione e innovazione, mantenendo l’identità nazionale intatta.

 


Il Fondatore dell’Essere: Spalletti e la sua Filosofia del Gioco

Luciano Spalletti, come un moderno Parmenide, ha deciso di fondare il suo regno calcistico sull’Essere, ossia su un’idea pura e immutabile di calcio. Ogni altra interpretazione del gioco, secondo lui, è una pia illusione, un Non Essere che non merita attenzione. Spalletti ha insistito su un sistema di gioco che riflette la vera essenza dell’Italia: difesa solida, contropiede letale e spirito di squadra inossidabile. Ogni allenamento, ogni discorso, ogni decisione tattica sono stati orientati a mantenere questa visione immutabile, come se deviare da essa fosse un tradimento dell’essenza stessa del calcio italiano.

Il Sogno di una Omeostasi Vantaggiosa: L’Italia al Centro del Mondo

Il sogno di Spalletti non si limitava a dominare il campo da gioco; voleva che l’Italia diventasse l’ago della bilancia nelle competizioni internazionali. Desiderava una squadra che, pur restando fedele alle sue radici, potesse adattarsi e trionfare in qualsiasi contesto. La sua visione era quella di un’Italia che, pur mantenendo il suo stile di gioco tradizionale, potesse sorprendere gli avversari con improvvise e imprevedibili innovazioni tattiche. In questo modo, Spalletti cercava di creare una situazione di omeostasi vantaggiosa, dove l’Italia fosse sempre al centro della scena calcistica mondiale, senza mai snaturare la propria identità.

Opportunismo Sfacciato: La Realizzazione di Messinscene Mediatiche

Non si può parlare di Spalletti senza menzionare il suo sfacciato opportunismo. Come Parmenide con le sue argomentazioni filosofiche, Spalletti ha saputo sfruttare ogni occasione per promuovere la sua visione. Conferenze stampa trasformate in spettacoli teatrali, dichiarazioni studiate per destabilizzare gli avversari e galvanizzare i tifosi, tutto era parte di una messinscena mediatica finalizzata ad avvantaggiare la sua squadra. Ogni apparizione pubblica era un atto calcolato, una mossa strategica nel grande gioco del calcio internazionale.

Il Simulacro Smart della Coincidentia Oppositorum

Spalletti è riuscito a incarnare la coincidentia oppositorum, l’unione degli opposti, come nessun altro. Appariva come una pantera sdentata o un’aquila che non vola: un mix di forza e fragilità, di audacia e cautela. Spaventava gli avversari con la sua presenza carismatica ma non terrorizzava mai lo spogliatoio, mantenendo sempre un’aria di accessibile affabilità. Questa ambigua postura, che mescolava severità e comprensione, destabilizzava gli equilibri interni ed esterni, creando un’atmosfera di continua incertezza.

Dentro e Fuori dagli Schemi Tattici: Una Destabilizzazione Calcolata

Il genio di Spalletti risiedeva nella sua capacità di stare dentro e fuori dagli schemi tattici tradizionali allo stesso tempo. La sua Italia non seguiva mai un copione prevedibile; ogni partita era un enigma per gli avversari. Questo approccio destabilizzava non solo le squadre avversarie ma anche i critici, sempre pronti a sparare a zero su di lui. Tuttavia, questa destabilizzazione calcolata spesso si rivelava un’arma a doppio taglio, portando a risultati altalenanti e a critiche feroci.

Le Promesse Non Mantenute: Il Fallimento di un’Illusione

Nonostante tutte le promesse e la filosofia brillante, Spalletti ha fallito miseramente nel raggiungere i suoi obiettivi. La squadra ha rasentato il ridicolo in diverse occasioni, e i critici non hanno perso tempo a sottolineare ogni errore. La sconfitta contro la Svizzera è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, mettendo in luce tutte le debolezze del progetto spallettiano. La domanda ora è se se ne andrà volontariamente o se verrà cacciato come un traditore delle promesse fatte, un inadeguato affabulatore incapace di trasformare le sue idee in realtà.

Buffon e la Crisi del Capitano: Un Addio Annunciato?

Gigi Buffon, simbolo dell’essere azzurro, si è trovato a dover fare i conti con una realtà amara. Mentre la squadra sfigurava contro la Svizzera, Buffon era in panchina, impotente e sconfortato. Le sue parole, “serve un’assunzione di responsabilità”, suonano come un monito non solo per i giocatori ma anche per Spalletti. Il rapporto tra il ct e Buffon sembra essersi incrinato, e ora il leggendario portiere valuta se dire addio alla Nazionale. La sua frustrazione riflette il malessere di una squadra che non riesce a trovare la propria strada.

Il Grande Imbuto del Calcio Italiano: Talenti Smarriti e Promesse Infrante

Il problema dell’Italia non è solo Spalletti. Il calcio italiano soffre di un cronico imbuto che soffoca i giovani talenti. Campioni a livello giovanile, i giocatori si perdono nel passaggio alla maggiore età. La mancata valorizzazione del talento e la scarsa fiducia nei giovani sono problemi endemici. Spalletti ha ereditato una situazione difficile e non è riuscito a invertire la tendenza. Il caso di Riccardo Calafiori è emblematico: un giovane di talento che ha faticato a trovare spazio e fiducia nel calcio professionistico.

Il Futuro di Spalletti: Traditore o Visionario?

La figura di Spalletti resta controversa. Visionario per alcuni, traditore per altri, il suo futuro è incerto. Le sue idee innovative e la sua capacità di adattamento non sono state sufficienti a portare l’Italia al successo. La sua ambizione di fondare l’Essere calcistico italiano si è scontrata con la dura realtà del campo. Che se ne vada o venga cacciato, Spalletti lascerà un segno indelebile, un promemoria delle difficoltà e delle sfide del calcio moderno.


Conclusione: L’Eredità di Spalletti

Luciano Spalletti ha tentato di essere un Parmenide del calcio, ma il suo sogno si è rivelato un’illusione. Ha cercato di mettere sé stesso e la sua visione al centro della Nazionale, ma non è riuscito a concretizzare le sue idee. Il calcio italiano deve ora affrontare le sue debolezze strutturali e cercare nuove strade per valorizzare i talenti e ritrovare la via del successo. Spalletti ha fallito, ma il dibattito che ha sollevato continuerà a influenzare il futuro del calcio azzurro.

 

4o

Articolo precedente“Tre racconti” di Honoré de Balzac
Articolo successivoUna strana alleanza per sbaragliare la scena musicale
Antonio Rossello
Antonio Rossello, è nato a Savona nel 1964 e vive ad Albisola Superiore (SV). Padre di Francesco. Laureato in Ingegneria meccanica all'Università degli Studi di Genova nel 1989, diploma di Laurea internazionale Dr. HC in Sociologia rilasciato dall’Università Internazionale U.P.T.E.A.G. il 24/04/2024 . Dopo il Corso Allievi Ufficiali di Complemento presso la Scuola Militare Alpina di Aosta, ha prestato servizio militare, nell'Arma dei Carabinieri come Ufficiale con il grado di Sottotenente nel 1989/90. Attualmente in congedo con il grado di Tenente. Tornato alla vita civile, dal 1991 è alle dipendenze dell’azienda elettromeccanica genovese ANSALDO ENERGIA. E’ stato in trasferta per lavoro in vari Paesi europei, del Medio Oriente, dell’Africa del Nord e dell’Asia . Ha retto diversi incarichi civili ed associativi: membro dell’Assemblea del Corsorzio Depurazione Acque di Savona, Consigliere della Sezione di Savona e del Gruppo delle Albisole dell’Associazione Nazionale Alpini (ANA), prima Consigliere e, dal 2003 al 2011, Presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri (ANC) Sezione di Savona. Tra i promotori di varie iniziative a carattere sociale, culturale e patriottico promosse da ANC, ANA e Conferenza permanente dei Presidenti delle Associazioni d’Arma, Combattentistiche e Patriottiche della Provincia di Savona . Ulteriormente Socio dell’ I.P.A. (International Police Association), dell’U.N.U.C.I (Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia), dell’A.I.O.C. (Associazione Insigniti Onorificenze Cavalleresche), della F.I.V.L. (Federazione Italiana Volontari per la Libertà) e donatore di sangue dell’A.V.I.S. Insignito dell’Onorificenza di Cavaliere della Repubblica (O.M.R.I.) nel 2007, Cavaliere di Ufficio del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio - Ramo Spagna (2024), Refendario con titolo Grande Ufficiale di 1^ grado di Giustizia (KCLJ-J) dell'Ordine Militare ed Ospedaliero di Lan Lazzaro in Gerusalemme - Malta nel 2022, dell’Attestato di Beneremenza dell’U.N.U.C.I , della Benemerenza Rossa A.V.I.S e dell’Onorificenza di Primo Livello dell'Associazione Italiana Combattenti Interalleati (A.I.C.I.). E’ stato coinvolto, come coautore, nell’Antologia “Alpini e Carabinieri al servizio dell’Italia” pubblicata da ANC ed ANA nel settembre 2002. Nel 2012 ha ricevuto la consegna della medaglia d’argento della FIVL. E’ attualmente Web Editor dei siti ufficiali di alcuni artisti ed autori locali, Presidente del Centro XXV Aprile, Presidente della Federazione Provinciale di Savona e della Sezione delle Albissole dell'Associazione Italiana Combattenti Interalleati (A.I.C.I.), Segretario della Federazione Provinciale di Savona dell'Associazione Nazionale Volontari di Guerra (A.N.V.G.), Presidente della Federazione Provinciale di Savona dell'Istituto del Nastro Azzurro, Segretario Associazione Nazionale Carabinieri Sez. Varazze e Socio ANCRI (ASSOCIAZIONE NAZIONALE INSIGNITI DELL'ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA), membro direttivo sindacale di categoria. Cofondatore della Rassegna multiculturale “Dal Mare alle Langhe fino al Monferrato”, dal 2013 ad oggi promossa dal Centro XXV Aprile, congiuntamente ad altre Associazioni e alle Amministrazioni di Bubbio (AT), Monastero Bormida (AT), Ponti (AL), Denice (Al), Albisola Superiore (SV), Albissola Marina (SV).